LA STELLA CADENTE

 

Quanno me godo da la loggia mia

quelle sere d’agosto tanto belle

ch’er celo troppo carico de stelle

se pija er lusso de buttalle via,

ad ognuna che casca penso spesso 

a le speranze che se porta appresso.

(Trilussa)